Categoria: Articoli

“Osservazione ritmica della natura” per-corso nei Sibillini, Marche


Nel mese di maggio, quando il paesaggio dei Sibillini si trasforma in un vero polmone verde, la Natura si mostra come un nostro involucro verde, con cicli e ritmi terrestri e cosmici, un tempo ben noti a chi li abitava. Il rapporto tra uomo, piante e paesaggio, un tempo “ombelicale”, oggi sembra in pericolo ma vuole essere ripristinato con concretezza e intelligenza per le generazioni future. Come possiamo come adulti sviluppare una via conoscitiva e pratica e stabilire una connessione salutare con la natura? Esistono modi che coinvolgono l’essere umano intero, nella sua fisicità, nell’anima e nelle emozioni, nella sua parte mentale e spirituale?

Ecco un primo percorso di Osservazione ritmica delle piante e del paesaggio prevede parti teoriche e pratiche, di botanica, erboristeria ed ecologia applicata, percezione di piante e paesaggio, la conoscenza dei ritmi dell’anno. Completano la giornata esercizi di osservazione all’aperto e di condivisione. Facilitatrice insieme a Federica Di Luca, educatrice, è Karin Mecozzi, erborista, esperta in Osservazione ritmica del paesaggio con Europäische Akademie für Landschaftskultur PETRARCA.

Erborista Karin Mecozzi, esperta qualificata in fitoterapia, bioterapie naturali e naturopatia, vive a San Severino Marche (MC). Autrice di testi di erboristeria per editori italiani e tedeschi (Ars herbaria, piante medicinali nel respiro dell’anno, 2012 e 2014). Formazione pluriennale in Agricoltura Biodinamica. Ricercatrice e membro attivo di Europäische Akademie für Landschaftskultur PETRARCA (Associazione internazionale per la cultura del paesaggio, con sede in Germania). Collabora con il Monastero Camaldolese di Fonte Avellana per corsi e seminari.

Corso “La via naturale, erboristeria e osservazione del paesaggio”

Corso teorico pratico a cura di Karin Mecozzi, Augusta D’Andrassi. A breve, aggiornamenti sul programma definitivo, modalità di iscrizione e costi. Sede del corso “Auditorium Belvedere” a Sassotetto, Sarnano MC

“L’argento diventa oro, a luglio l’essenza delle piante è pronta per essere colta.”Incontro teorico pratico sull’erboristeria come via naturale al benessere, l’osservazione di piante e paesaggio, la salutogenesi con erbe ed estratti. Tenuto da due professioniste appassionate di flora appenninica, il corso avrà come temi: l’erboristeria come arte e conoscenza  –  osservazione ampliata di piante e paesaggio – estate: erbe & estrazioni – autoproduzione in sicurezza –  oleoliti e oli essenziali in cosmesi.

Corso aperto a tutti gli interessati, max. 30 partecipanti. Si consigliano abbigliamento, scarpe da trekking, cestino; portare recipiente di vetro sterile, piccolo tagliere, coltello per il laboratorio pratico.   

Tengono il corso:

Karin Mecozzi, erborista, consulente naturopata, docente e raccoglitrice, autrice di libri e articoli in tre lingue. Formazione in osservazione del paesaggio, botanica e agricoltura biodinamica, vive a San Severino Marche (MC).

Augusta D’Andrassi, dottore forestale, guida naturalistica con accreditamento AIGAE e interprete ambientale nel Parco Nazionale del Circeo, formazione in fitoterapia, insegna chimica applicata alla cosmesi e cosmetologia, vive a San Felice al Circeo (LT).


SALE AROMATICO dalle ricette delle “Speziali”

Un tocco ai vostri piatti in primavera? Ecco come prepararvi un SALE AROMATICO dalle note nuove, leggere e fresche, che annunciano la lieta stagione. Con un SALE AROMATICO salerete di meno, aggiungendo un sapore nuovo e profumato ai vostri piatti. Usate piante aromatiche locali, se potete!* Il sale stesso, di origine marina, integrale e quindi non sbiancato o raffinato, contribuisce alla riuscita della miscela.

La miscela di AROMATICHE e SALE è perfetta per la cottura veloce, per esempio le carni bianche o del buon pesce azzurro alla griglia, le patate arrosto, un misto di verdure saltate brevemente (zucca, sedano rapa, broccoletti, finocchi), ma anche per vellutate di asparagi e creme di lenticchie rosse. Condite con una bella presa di SALE AROMATICO e abbondante olio di oliva extravergine, a piacere con sesamo o semi di cumino nero o di papavero e qualche foglia di menta o melissa fresca.

Ricetta SALE AROMATICO in primavera:

Satureja montana, sommità fiorite – Hyssopus officinalis, fiori e foglie – Oreganum vulgare, foglie – Lippia citriodora, foglie, Agastache rugosa, foglie. Miscelate le droghe essiccate e finemente contuse con del sale marino integrale macinato, nella proporzione di 1:10. Non siete abituati all’aroma intenso e speziato di alcune droghe? Unite ancora del sale marino macinato oppure mezzo cucchiaino di farina di riso o amido.

*Se non trovate le erbe aromatiche qui descritte, chiedetele nelle erboristerie di fiducia. Last but not least, per i fedeli lettori: no a bancarelle senza nome o acquisti online, se non siete sicuri: anche le aromatiche sono piante medicinali e seguono una tracciabilità utile a voi come consumatori.


grazie!

E’ solo un veloce conto che sto facendo, sono emozionata e piena di gratidutine: dall’inizio dell’attività di associazione, più di dieci anni fa, ho contato più di 450 corsisti. Italia, Svizzera, Germania, Francia, Olanda, Austria, Stati Uniti, Giappone, Grecia, San Marino, Spagna, Danimarca…persone che partecipano ai nostri incontri di Erboristeria e Paesaggio, in diverse regioni d’Italia.

Nelle Marche, per diversi anni a Lamoli di Borgo Pace, nello splendido albero Oasi di San Benedetto, e dal 2011 al Monastero di Fonte Avellana, in collaborazione con la Comunità monastica.


Ringrazio P E T R A R C A Accademia Europea per la cultura del paesaggio, (Europäische Akademie für Landschaftskultur) operativa dal 2001 sulla base della Convenzione Europea del Paesaggio. Come membro attivo, porto avanti una parte fondamentale per ampliare la mia formazione come erborista, con il progetto di ricerca sulla “Paesaggi terapeutici e osservazione goethanistica di piante e paesaggio”

Il percorso continua, anche in provincia di Macerata. Seguitemi per nuovi appuntamenti a San Severino Marche, nei Comuni dell’Alta Valle del Potenza e questa estate nei Monti Sibillini.

Gli attuali corsi nell’area del Cratere Sisma 2016 si ispirano a un nuovo impulso, che proviene da oltreoceano: HERBALISTS WITHOUT BORDERS, Erboristi Senza Frontiere, associazione operativa in tutto il mondo per la “Health justice”, una magiore giustizia nella cura della salute e la condivisione delle conoscenze in erboristeria e naturopatia.

Grazie, un verde grazie a tutti voi!

Karin Mecozzi e Associazione Thaleia


Le mandorle, nutrienti e ricche di virtù

La mandorla è un eccellente integratore naturale

Possiamo considerare le mandorle degli “integratori naturali” per giovani ed anziani: le piccole drupe contengono acidi grassi polinsaturi, proteine, calcio, fosforo, potassio, magnesio, tracce di ferro, vitamine del gruppo B e E e acido folico, e sono particolarmente indicate quando dobbiamo affrontare periodi faticosi nel lavoro, nello studio prima di un esame o dopo una malattia. Sono un ingrediente fondamentale della miscela di semi oleosi, noci e frutta secca che in tedesco viene chiamata Studentenfutter, letteralmente “becchime degli studenti”, da sgranocchiare durante la giornata. E’ stato riscontrato che il consumo regolare di mandorle migliora la viscosità del sangue, regola il colesterolo e aiuta nella prevenzione dell’infarto al miocardio. Le mandorle sono particolarmente preziose per le donne: mangiare dieci mandorle al giorno può prevenire le vene varicose, rafforzare la circolazione sanguigna e tonificare l’utero. Secondo un’antica leggenda germanica, quando una donna desidera concepire una figlia, deve incidere il nome su tre mandorle e portarle con sé tenendole vicine al corpo, per un intero ciclo lunare.

Latte di mandorla

50 g di mandorle

250 ml di acqua tiepida

100 g di zucchero di canna

Per togliere il tegumento marrone si mettono in ammollo le mandorle con acqua bollente per mezz’ora. Una volta pulite si pestano nel mortaio fino ad ottenere una pasta omogenea. Aggiungere l’acqua tiepida e lasciare in infusione per due ore. Filtrare e sciogliervi lo zucchero di canna. Prima di servire, diluire il latte di mandorla con acqua fredda o calda. In estate si aggiunge una foglia di menta, in inverno un pizzico di cannella o vaniglia in polvere. Si conserva in frigo, è meglio consumarlo in pochi giorni.

(tratto da Ars herbaria, le piante nel respiro dell’anno – Natura e Cultura Editrice 2012)

Corso “Erboristeria tra terra e cosmo” a Fonte Avellana

“Erboristeria tra terra e cosmo”

Pratica erboristica e osservazione della natura in primavera

Corso teorico pratico a cura di Karin Mecozzi e Giorgio Bortolussi in collaborazione con Accademia Europea per la cultura del paesaggio PETRARCA.

Sede del corso: Monastero di Fonte Avellana (PU)

Data: Sabato e domenica 30 – 31 marzo 2019

A breve il programma dettagliato!