Un’achillea rosa porpora

Achillea mosc.
Una camminata nel comune di Badia Tedalda (AR), all’imbrunire. Ed ecco, nel bel mezzo di un grande pascolo, spuntano fiori color rosa porpora: è l’achillea! Allo sguardo attento, la pianta appare diversa dalla Millefolium che raccolgo solitamente. Il fusto è glabro, senza peli, verde scuro, i fiori più piccoli. E infine, il gusto delle foglie è meno amaro. Manca quel sapore di banana che trovo nella specie bianca. Cercando nei libri e nel web, non riesco ancora a svelare il mistero. Però, intanto, l’ho portata a casa e l’abbiamo essiccata. L’infuso è ottimo, sempre amaro, come la millefoglie consueta. E’ una droga interessante, da inserire nelle miscele amaro-aromatiche, ma anche come “rimedio costituens” per il suo amabile colore rosa che rimane integro anche dopo l’essiccazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *