Dal bosco per giardino e cuscini profumati: Tommasinia verticillaris (L.) Bertol.

Peucedanum verticillare o Imperatoria di Tommasini, Apiaceae. Nome popolare “tommasinia”, in inglese “giant hog fennel”.
Foto-0004
Bella pianta da coltivare in giardino (terreno fresco, ricco di humus, ama il sole) per la forma slanciata del fusto e il portamento dei fiori ad ombrella. Pascolo per api e farfalle, fiorisce al secondo anno, è biennale o pluriennale di breve durata.
Cresce ai margini del bosco, lungo prati umidi e fossi. Non teme il sole pieno e resiste al clima mediterraneo in estate. Colpiscono le guaine striate da cui si formano le foglie, che sono profumate, dal sapore aromatico. Tuttavia sconsigliamo l’uso interno, la pianta non è ben conosciuta a livello farmacologico; le furocumarine contenute soprattutto nei semi possono essere irritanti per la pelle e sono pericolose per il fegato. Secondo studi americani, i componenti dell’olio essenziale della tomassinia sembrano interessanti, da approfondire. Nell’erboristeria tradizionale mediterranea, la radice è usata come l’Angelica sylvestris o il Peucedanum ostruthium, per l’azione digestiva, carminativae e tonica.
A fine estate essicco le foglie e le mescolo a fiori di lavanda, piccoli rami di finocchio selvatica, foglie di melissa romaana e calaminta. Con questa miscela imbottisco piccoli cuscini, da applicare sulla nuca e sulla fronte in caso di emicrania e nausea.
Foto-0005

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *